Comune di Valdieri - Provincia di Cuneo - Piemonte

Percorso di navigazione

 Ti trovi in:  Home » Guida al paese

Stampa

GUIDA TURISTICA

Le Masche

Le Masche


La rappresentazione si è svolta nel centro storico del paese dove sono state allestite numerose scene. Alcune rappresentavano i luoghi della vita quotidiana di un tempo dove nascevano e venivano divulgate le leggende e le credenze popolari; esempi di questi possono essere la casa, l’osteria, la stalla, ecc…; altre il mondo fantastico e surreale che era l’oggetto di questi racconti: c’erano “masche” che praticavano riti magici, “servan” che giocavano nel bosco e importunavano i passanti, ecc… Per ottenere un’atmosfera più stimolante e suggestiva si è provveduto ad illuminare l’area con luci naturali (quali fuochi, lumini e torce ad olio). I visitatori con l’ausilio di una piantina distribuita all’ingresso hanno potuto seguire un vero e proprio itinerario eno-gastro-culturale: ogni scena era contraddistinta da un’indicazione su ardesia che riportava il tema della stessa in lingua occitana. Per gli angoli di vita quotidiana la scenografia riprendeva gli elementi tipici dei nostri costumi ed usi popolari (come gli strumenti di lavoro, il vestiario dei protagonisti, ecc…); per le scene di fantasia invece ogni organizzatore - attore allo stesso tempo - ha dato sfogo alla propria fantasia. Inoltre c’erano alcune scene mobili con personaggi che scorrazzavano in mezzo al pubblico intrattenendolo con canti e racconti e gridando formule magiche. In alcuni angoli era possibile infine degustare e conoscere i piatti tipici della cucina piemontese con particolare riguardo a quelli della tradizione valdierese come ad esempio le cipolle ripiene e le “bignette di mele”. In definitiva e’ stato studiato il percorso in modo che il pubblico, o all’osteria di un tempo davanti ad un buon bicchiere di dolcetto, o nella stalla del pastore con un bel pezzo di pane e toma di capra, o al lavatoio per mezzo delle nonne che filavano la lana, potesse ascoltare le storie e i racconti per poi riviverli in prima persona nella casa delle megere, nel bosco con i servan o a cena con le masche. Al termine della festa tutti i partecipanti hanno potuto ballare e cantare intorno ad un grande falò acceso in centro alla piazza dove si è bruciata la strega inquisita.

ANIN A BALAR CUN MASCHE E SERVAN
Il significato e le motivazioni di questa manifestazione vanno ricercate nell’intento di riscoprire e di esportare al di fuori della nostra piccola realtà geografica di valle, la cultura del nostro paese. E’ innanzitutto di fondamentale importanza che nessun aspetto della cultura e delle tradizioni valdieresi vada perduto o quanto meno si spogli del suo vero significato. L’idea è quella di rivalutarli e per certi aspetti di riscoprirli, con un approfondito lavoro di ricerca storica per poi successivamente intraprendere un’azione volta alla loro valorizzazione nonché divulgazione attraverso mezzi sia classici che innovativi. Nel caso di questa manifestazione si è voluto far rivivere un aspetto particolare della cultura occitana: quello delle credenze popolari che con la loro moltitudine e originalità hanno da sempre animato la fantasia dei valliggiani . In particolare abbiamo scelto come tema il mondo fiabesco delle “masche” e dei “servan” ovvero traducendo delle streghe e dei folletti del bosco. A questi esseri si attribuiva la responsabilità di fenomeni un pò misteriosi e insoliti: i “servan” erano figure di pura immaginazione che si dice facessero dispetti e importunassero gli abitanti delle antiche borgate, le “masche” erano vere e proprie figure di donne appartenenti alla comunità che nell’immaginario collettivo possedevano poteri sovrannaturali e esercitavano l’attività di guarigione con metodi assai singolari. Una rappresentazione di questo genere permette di raggiungere la sensibilità di una cerchia di persone senza dubbio più ampia rispetto ad un convegno o una pubblicazione specifica sull’argomento.




 
6 fotografie presenti nell'album fotografico
(Fare click sulle immagini per poterne visualizzare l'ingrandimento.)

Pagina 1



         



Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Valdieri, Piazza della Resistenza n. 2
12010 Valdieri (CN) - Telefono: +39 0171/97109 Fax: +39 0171/97149
C.F. 00464650043 - P.Iva: 00464650043
E-mail: protocollo@comune.valdieri.cn.it   E-mail certificata: comune.valdieri@legalmail.it